FORMAZIONE DI BASE

 

L’esercizio dell’attività di Mediatore familiare è subordinato al possesso di alcuni requisiti:

Apprendimento Formale

Potranno iscriversi al percorso formativo per Mediatore Familiare coloro che siano in possesso di un diploma di laurea, almeno triennale o di titolo equipollente in discipline giuridiche, psicologiche, umanistiche, sociali, pedagogiche, sociologiche, sanitarie ed equipollenti come da Tabella M.I.U.R.; nonché titoli accademici secondo nuovo e vecchio ordinamento e titoli ottenuti all’estero.

presentation-407291__340[1]

Apprendimento non formale

Adeguata esperienza professionale almeno quinquennale nelle aree sociali, educative, sanitarie, psicologiche e tutte quelle esperienze di gestione della conflittualità nell’area della famiglia, della coppia e delle relazioni sociali.

Le esperienze professionali devono essere comprovate.

Verrà effettuato un colloquio informativo di ammissione. Nei corsi prevale un approccio formativo interdisciplinare pluralistico integrato.

 PERCORSO FORMATIVO

Il percorso formativo si articola in un biennio per un totale complessivo di 320 ore di cui:

  • 240 ore Percorso formativo
  • 60 ore di supervisione
  • 20 ore di tirocinio

La frequenza è obbligatoria (almeno 4/5 delle ore). Al termine del Corso verrà rilasciato dal Centro/Istituto di formazione, un attestato di partecipazione al corso teorico-pratico di formazione in Mediazione Familiare riconosciuto dall´A.E.Me.F.

1°  livello di esame:

  • Prova scritta per la valutazione delle conoscenze. Consiste in domande a risposta aperta; per ciascuna domanda il candidato è tenuto a fornire una risposta appropriata.
  • Prova scritta su “casi studio”. Al candidato viene proposta una situazione reale attinente alla specifica attività professionale.
  • Prova pratica. Per approfondire il livello delle abilità acquisite il candidato deve sostenere una simulazione o role playing nel ruolo di Mediatore Familiare.
  • Discussione di una tesi compilativa o di ricerca. 

Al superamento di dette prove al candidato verrà rilasciato l’Attestato di idoneità alla pratica guidata e alla supervisione didattica e professionale.

2° livello di esame

Terminato il monte ore di pratica e di supervisione, il candidato sarà ammesso al secondo livello di esame consistente nella prova orale. 

  • La prova orale si svolge attraverso un colloquio valutativo centrato su una tesi relativa al percorso di mediazione familiare condotto personalmente dall’allievo, coadiuvato da un Supervisore A.E.Me.F.

Al superamento del secondo livello di esame al candidato verrà rilasciato “Attestato di qualità e di Qualificazione professionale dei servizi” di mediazione  familiare.

 

Approfondimenti