ASSOCIAZIONE

 

L’A.E.Me.F. è stata costituita nel 2003 come Associazione senza scopo di lucro. In tutti questi anni abbiamo lavorato per diffondere la mediazione familiare, formare mediatori familiari, sostenerli  nella loro attività.

L’attività formativa non è mai stata disgiunta da quella della ricerca, dal confronto con le altre Associazioni  e con i diversi sistemi che intervengono quando vi sia una separazione e una rottura del legame tra adulti. Ancora prima che la normativa italiana utilizzasse il concetto di “responsabilità genitoriale”, uno dei principi cardine dei nostri interventi di mediazione familiare poggiava già sul concetto del “mantenimento ed esercizio della comune responsabilità genitoriale” e dei legami familiari significativi.

 Ci adoperiamo affinché le coppie possano essere artefici in prima persona degli accordi, nell’interesse dei loro figli, i quali hanno il diritto di mantenere i legami con entrambi i genitori, nonché con i familiari  di riferimento.

Abbiamo nel tempo intrapreso numerose trasformazioni soprattutto a causa dell’evoluzione dell’intervento di mediazione familiare, e della sempre maggiore consapevolezza della specificità del ruolo.

L’ultimo cambiamento statutario è avvenuto il 12 Settembre 2016  in ragione della trasformazione della nostra Associazione in “ Associazione Europea Mediatori Familiari” – Associazione Professionale senza scopo di lucro, in ottemperanza alla L. 4/2013 “Disposizione in materia di professioni non organizzate”. Il nuovo Statuto ha comportato anche un riassetto organizzativo e territoriale dell’A.E.Me.F. e un´implementazione delle garanzie a favore degli utenti.

Il Comitato Direttivo Nazionale ha approvato il nuovo Codice Deontologico, i criteri per l’accesso alla formazione comprensiva di tirocinio e supervisione, i criteri di esame per l’iscrizione alla A.E.Me.F., le regole relative alla formazione permanente, il procedimento disciplinare e quanto attiene all’esercizio della professione.

Da un punto di vista territoriale, l’A.E.Me.F. copre tutto il territorio italiano. Le sedi dell’Associazione sono le seguenti:

Sede nazionale

Presidente: Gabriella Vigliar
email: segreteria@aemef.it

Sedi Territoriali

Macroregione Nord

Comprende le seguenti Regioni: Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia,Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia,Veneto, Emilia Romagna.

Presidente: Prof. Armando Bernard
email: macroregionenord@aemef.it

Macroregione Centro

Comprende le seguenti Regioni: Lazio, Abruzzo, Molise, Marche, Umbria,Toscana.

Presidente: Avv. Raffaele Condemi
email: macroregionecentro@aemef.it

Macroregione Sud

Comprende le seguenti Regioni: Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna.

Presidente: Avv. Emanuela Palamà  
email: macroregionesud@aemef.it

      

La Mediazione Familiare

La Mediazione Familiare si distingue da altri tipi di intervento sulle problematiche della separazione e del divorzio (controllo sociale, natura peritale, assistenziale, giudiziaria, consulenziale o terapeutica).

La Mediazione familiare è un percorso volontario che le due parti decidono liberamente di intraprendere, nei casi di cessazione di un rapporto di coppia a qualsiasi titolo costituito, per la gestione dei conflitti parentali e la riorganizzazione delle relazioni familiari.

La Mediazione familiare è condotta da un soggetto terzo imparziale, neutrale, il Mediatore Familiare, e si svolge nella garanzia del segreto professionale, in un ambiente neutrale e in autonomia dall’ambito giudiziario.

Il Mediatore Familiare

Il Mediatore Familiare è un professionista qualificato a seguito di percorsi di formazione scientifica differenziati. Egli interviene quale figura terza nel percorso di aiuto alla famiglia prima, durante e dopo la separazione o il divorzio o la cessazione della convivenza o dell’unione, a qualsiasi titolo costituita. Il suo intervento avviene in completa autonomia dall’ambiente giudiziario, per raggiungere accordi concreti e duraturi concernenti l’affidamento e l’educazione dei minori, nonché tutti gli aspetti connessi all’esercizio della responsabilità genitoriale; a questo si aggiunge tutto ciò che concerne la divisione dei beni, l’assegno di mantenimento al coniuge debole ed ai figli, la residenza principale dei figli e l’assegnazione della casa coniugale e tutto quanto previsto dalla normativa vigente in tema di separazione, divorzio e di coppie non coniugate, con esplicito riferimento all’attività negoziale.